Comunicazione Category

Comunicazione, Notizie

Seconda prova degli Esami di Stato 2019: al via la rilevazione nazionale sugli esiti

In partenza la rilevazione nazionale sugli esiti della seconda prova degli Esami di Stato dei Licei Economico Sociali
Anche quest’anno la Cabina di Regia della Rete nazionale LES ha concordato, nella seduta del 20 e 21 febbraio 2019 tenutasi a Roma presso la sede del MiUR, di ripetere la rilevazione nazionale sugli esiti della seconda prova scritta dell’esame di stato 2019.
Il monitoraggio sugli esiti delle prove è coordinato dalla Rete Territoriale del Lazio.

Per poter partecipare ed accedere al monitoraggio è necessario compilare un questionario on line cliccando:

QUI

Ogni docente/commissario interno dovrà compilare una breve anagrafica contenente i seguenti dati:

  1. nome e cognome del docente di Scienze Umane / nome e cognome del docente di Diritto-Economia
  2. eventuale scuola di servizio
  3. codice identificativo della commissione.

La partecipazione alla rilevazione nazionale da parte dei docenti/commissari interni è libera e non
costituisce  alcun obbligo.

A tutti i Dirigenti Scolastici dei LES è richiesta la collaborazione per diffondere la notizia del monitoraggio presso le commissioni d’esame e i commissari di Scienze Umane e Diritto-Economia.
La data ultima della compilazione è martedì 5 luglio.
I dati verranno rielaborati a livello regionale e nazionale; tale elaborato, privo dei dati sensibili, oltre a rappresentare uno strumento di riflessione per la stessa Rete nazionale, sarà messo a disposizione della Direzione Generale Ordinamenti del MIUR e della Commissione Tecnica MIUR per gli esami di stato.

 

Lettera inviata agli Istituti scolastici capofila delle Reti regionali 

Leggi tutto

Bandi e concorsi, Comunicazione, Notizie, Proposte formative dai LES

Olimpiadi di Economia e Finanza 2019: premiati in vincitori

Olimpiadi di Economia e Finanza: si è tenuta a Trieste, il 22 e 23 maggio 2019, la prima edizione, realizzata dal MIUR, Direzione generale per gli ordinamenti scolastici, in collaborazione con il Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria, istituito dal MEF di concerto con il MISE, e con gli Uffici Scolastici Regionali.

Al suo esordio, la gara, ideata per avvicinare i giovani all’educazione alla cittadinanza economica e finanziaria, ha registrato la partecipazione di oltre 7.600 ragazzi e di quasi 300 scuole, di cui 11 sono arrivate in finale, superando le fasi di istituto e regionali.

I vincitori della prima edizione delle Olimpiadi di Economia e Finanza 2019, le cui prove hanno riguardato i diversi livelli di padronanza delle competenze di economia e finanza, con riferimento anche agli obiettivi di Financial Literacy delle prove OCSE PISA sono stati:

CATEGORIA SENIOR (studenti frequentanti il terzo anno di corso)

Primi classificati ex aequoFilippo Paladini     Istituto Tecnico Economico Tecnologico “Bramante Genga” di Pesaro, Giorgia Castiglione   Liceo Scientifico “Luigi Siciliani” di Catanzaro

3 classificatNuovooTommaso Capriotti   Liceo Scientifico “Marie Curie” di Giulianova

CATEGORIA JUNIOR (studenti frequentanti il primo biennio di corso)

1 classificatoAlice Bianco   Istituto Tecnico Statale “Grazia Deledda” di Lecce

2 classificatoLuca Merante     Liceo Scientifico “Luigi Siciliani” di Catanzaro

3 classificatoFilippo Morari    Liceo “Fabrizio De André” di Brescia

 

Link alla pagina web del MiUR

Link al sito delle Olimpiadi di Economia e Finanza

Programma delle Olimpiadi di Economia e Finanza

Nota del Miur

Bando e Regolamento

Leggi tutto

Bandi e concorsi, Comunicazione, Notizie, Proposte formative dai LES

Olimpiadi di Economia e Finanza: al via la prima edizione 2019

Olimpiadi di Economia e Finanza: si inaugura a Trieste, il 22 e 23 maggio 2019, la prima edizione, realizzata dal MIUR, Direzione generale per gli ordinamenti scolastici, in collaborazione con il Comitato per la programmazione e il coordinamento delle attività di educazione finanziaria, istituito dal MEF di concerto con il MISE, e con gli Uffici Scolastici Regionali.

Le Olimpiadi di Economia e Finanza si propongono di:

  1. promuovere nelle studentesse e negli studenti la conoscenza e la comprensione di fenomeni economici e sociali complessi;
  2. rafforzare la capacità di sapersi orientare in modo autonomo e responsabile rispetto ai cambiamenti nella società e nelle economie del futuro;
  3. sollecitare l’interesse e la motivazione a interrogarsi sulle questioni economiche, finanziarie e sociali che riguardano la contemporaneità;
  4. favorire interpretazioni e/o spiegazioni della realtà fondate su evidenze;
  5. sviluppare tra i giovani pensiero critico, capacità d’innovazione e creatività, coinvolgimento attivo e reazioni emozionali, competenze trasversali e comunicative;
  6. promuovere e valorizzare il merito nell’ambito delle competenze economiche, finanziarie e di cittadinanza attiva;
  7. avvicinare ai temi economico-finanziari anche gli studenti di percorsi in cui l’economia e la finanza non sono presenti nei curricoli scolastici.

Gli argomenti delle prove delle Olimpiadi di Economia e Finanza riguardano i diversi livelli di padronanza delle competenze di economia e finanza, con riferimento anche agli obiettivi di Financial Literacy delle prove OCSE PISA e prevedono due categorie:

  1. JUNIOR (studenti frequentanti il primo biennio di corso);
  2. SENIOR (studenti frequentanti il terzo anno di corso).

Nel corso della prima edizione, si svolgono sessioni dedicate a studenti e docenti sull’Educazione finanziaria, sui Serious game e nuovi modelli di apprendimento, su Big Data per la ricerca sociale ed educativa. Intervengono, tra gli altri:

  • Maria Lusardi, Presidente Comitato Educazione finanziaria
  • Mario Allegra, Istituto per le Tecnologie Didattiche Consiglio Nazionale delle Ricerche, sede di Palermo
  • Manuel Gentile, Istituto per le Tecnologie Didattiche Consiglio Nazionale delle Ricerche, sede di Palermo
  • Renato Grimaldi, Dip. Filosofia e Scienze dell’Educazione Università degli Studi di Torino
  • Michele Petrocelli, Direzione VI, MEF
  • Magda Bianco, Dip.to Vigil. Bancaria e finanziaria, Banca d’Italia
  • Marco Ferrazzoli, Consiglio Nazionale delle Ricerche

 

Programma delle Olimpiadi di Economia e Finanza

Nota del Miur

Bando e Regolamento

Link alla pagina web del MiUR

Link al sito delle Olimpiadi di Economia e Finanza

Leggi tutto

Comunicazione, Esami di Stato, Notizie, Simulazioni

Esame di Stato 2019: i documenti a supporto della seconda prova e del colloquio

Con gli Esami di Stato 2019 alle porte, la Rete LES Nazionale, oltre i documenti di supporto messi a disposizione dal MiUR, ha elaborato due strumenti per monitorare l’articolazione delle griglie per la correzione delle seconda prove d’esame e gli esiti delle simulazioni. Non si tratta di strumenti ufficiali, ma del risultato delle accurate riflessioni delle reti e del gruppo di lavoro incaricato.

Il monitoraggio è il risultato del lavoro del gruppo designato, che ha esaminato le 22 griglie di valutazione pervenute dalle varie Regioni, cercando di individuare i punti di forza e le criticità presenti in esse. Inoltre, ha voluto creare uno strumento comune, da mettere a disposizione delle scuole della Rete, che fosse agile e che, nel contempo, non determinasse una dispersione del punteggio, che potenzialmente può determinarsi, nel caso di utilizzo dello stesso strumento, da parte di un’ampia platea di docenti.
I criteri di scelta, tra le molte  griglie pervenute alla Rete nazionale LES, sono stati:

  • l’efficacia linguistica dei descrittori;
  • la univocità dell’aggettivazione valutativa;
  •  l’“agilità” grafica;
  • l’intuitiva comprensione del funzionamento della griglia.

 

Documenti a supporto dell’Esame di Stato 2019

Lettera di accompagnamento della Rete nazionale LES al monitoraggio

Report finale monitoraggio griglie Esame di Stato 2019

Proposta griglia di valutazione colloqui Esame di Stato 2019

Nota MIUR indicazioni operative per il colloquio

DM per l’EsaBac

Leggi tutto

Economia, Diritto e Scienze umane, Integrazioni disciplinari e moduli interdisciplinari, Notizie, Progetti

Una giornata a favore dell’ambiente: un progetto del LES di Avezzano

La manifestazione Una giornata a favore dell’ambiente ha inteso rispondere all’Obiettivo 13 dell’Agenda 2030: “Fare un’azione urgente per combattere il cambiamento climatico e il suo impatto”.
Il progetto del Liceo LES Benedetto Croce di Avezzano nasce dall’esigenza di rendere gli studenti consapevoli della custodia del mondo, proprio come vuole l’Agenda 2030, in particolare l’obiettivo 13. Per la realizzazione della manifestazione sono intervenuti:

  • l’ing. Chiara Iacobacci della Tekneco s.r.l. che si occupa del servizio di raccolta differenziata nel Comune di Avezzano dal 2012;
  • l’ing. Simone Chicarella dell’Università agli Studi di Roma “La Sapienza”.

Il diritto a un ambiente non inquinato viene enunciato e praticato, seppure con effettività talora molto limitata, anche presso culture politico-giuridiche non particolarmente evolute e complesse.
Nel LES sono stati realizzati laboratori didattici a tema ed esposti al personale esterno, a partire dagli studenti delle Scuole Primarie della zona fino a referenti degli Enti Locali e Territoriali e personale esperto del mondo del lavoro.

Copertina

Approndimento 1 – Diritto alla sostenibilità Avanzi Zero

Approndimento 2 – Esperimenti tra i ghiacci

Leggi tutto

Approfondimenti professione docente, Contributi scientifici e formazione, Economia, Diritto e Scienze umane, Integrazioni disciplinari e moduli interdisciplinari, Notizie

Un Libro Bianco per il Liceo Economico Sociale

Incontrare l’Economia Politica per leggerne la dimensione culturale e sociologica. Un LIBRO BIANCO per il Liceo Economico Sociale. La visione della D.S. Bandinelli dal Tavolo Tecnico al 1^ Convegno Nazionale “Cultura e Scuola”.

Se la storia è sempre maestra di vita, è importante ripercorrere le idee e le riflessioni dall’interno della Rete che hanno condotto alla costituzione del Tavolo di lavoro sulle prospettive dei LES a seguito dei 3 seminari sull’orientamento del 2016,  coordinati da Luca Azzollini, LES Frisi di Milano e tenuti rispettivamente dalle colleghe Ingicco LES di Pinerolo, Orsini LES di Pontedera,  e Blandano LES di Palermo,  col contributo di Paolo Corbucci e Patrizia De Socio delegati presso la Direzione Generale per gli Ordinamenti e la Valutazione del sistema educativo.

Facendo seguito alla conclusione del primo progetto: Investire nel valore e nell’identità del Liceo Economico Sociale, il Tavolo Tecnico nasce per realizzare gli obiettivi  concreti definiti nella Cabina di Regia:   “potenziare le discipline di indirizzo adottando un curriculum di studio liceale che trovi nella multidisciplinarità gli strumenti di  senso e di sistematicità per la  contestualizzazione delle tematiche economiche e sociali rispetto al contesto giuridico nel quale si svolgono indagandole attraverso una lente più ampia che sia in grado di leggerne la dimensione socio culturale”.

E’ da questa premessa che scaturisce l’idea di legare il processo di rilettura delle specificità del LES, con il progetto culturale che si sta avviando con la vision strategica delle Capitali Italiane  della Cultura, che parte nel 2017 da Pistoia con una prospettiva che copre il progetto fino al 2020.

E’ la referente del Tavolo Tecnico, la D.S. Bandinelli che col contributo del LES Liceo Forteguerri di Pistoia, e il coinvolgimento di tutti gli attori che hanno contribuito alla stesura del Libro Bianco – che qui non è necessario elencare perché si rimanda alla lettura del Libro Bianco –  organizzano il 1^ Convegno Nazionale Incontrare l’economia politica per leggerne la dimensione culturale e sociologica , avviano la stesura del Libro Bianco e introducono le procedure che accompagneranno in seguito tutti gli eventi successivi, che dal 2^ Convegno Nazionale di Palermo condurranno alla conclusione del progetto nel 2020 a Parma, ultima Capitale della Cultura finora individuata.

 Relazione della D.S. Bandinelli          

Leggi tutto

Comunicazione, Notizie, Simulazioni

La Rete LES avvia il monitoraggio delle griglie per la correzione della seconda prova

Un monitoraggio dell’efficacia delle griglie per la correzione della seconda prova d’esame e delle simulazioni.

Con gli Esami di Stato alle porte, la Rete LES Nazionale ha elaborato due strumenti per monitorare l’articolazione delle griglie per la correzione delle seconda prove d’esame e gli esiti delle simulazioni. Non si tratta di uno strumento ufficiale, ma del risultato delle accurate riflessioni delle reti e del gruppo di lavoro incaricato.

Il monitoraggio prevede due questionari che sono stati trasferiti in due form on line in modo da rendere più agevoli la somministrazione e la raccolta dei dati.

Potete accedervi come indicato di seguito:

Questionario relativo alle griglie per la correzione della seconda prova 

QUI

Questionario relativo alle griglie per la correzione degli esiti delle simulazioni

QUI

 

I questionari on line vanno compilati entro e non oltre il 12 aprile 2019.

Il monitoraggio è il risultato del lavoro del gruppo designato, che ha esaminato le 22 griglie di valutazione pervenute dalle varie Regioni, cercando di individuare i punti di forza e le criticità presenti in esse. Inoltre, ha voluto creare uno strumento comune, da mettere a disposizione delle scuole della Rete, che fosse agile e che, nel contempo, non determinasse una dispersione del punteggio, che potenzialmente può determinarsi, nel caso di utilizzo dello stesso strumento, da parte di un’ampia platea di docenti.
I criteri di scelta, tra le molte  griglie pervenute alla Rete nazionale LES, sono stati:

  • l’efficacia linguistica dei descrittori;
  • la univocità dell’aggettivazione valutativa;
  •  l’“agilità” grafica;
  • l’intuitiva comprensione del funzionamento della griglia.

La raccolta e la rielaborazione dei dati del monitoraggio in partenza potranno essere un utile strumento per il confronto interno e per la condivisione anche in sede di esame e con eventuali interlocutori esterni alla rete.

Lettera di accompagnamento della Rete nazionale LES

Nota introduttiva ai questionari

Leggi tutto

Economia, Diritto e Scienze umane, Esami di Stato, Notizie

Esame di Stato 2019: materiale formativo per la seconda prova scritta

In vista dell’Esame di Stato 2019, la Rete LES ha realizzato un’attività formativa dedicata ai docenti e volta a fornire le indicazioni di supporto necessarie per la preparazione della seconda prova scritta del Liceo delle scienze umane e del Liceo Economico Sociale.

Materiale formativo per la seconda prova scritta

Leggi tutto

Comunicazione, Notizie

European Money Quiz: il 28 marzo le prove per volare a Bruxelles

Al via le iscrizioni all’European Money Quiz, iniziativa di respiro internazionale promossa dalla Federazione Bancaria Europea e organizzata per l’Italia dalla Fondazione per l’Educazione Finanziaria e al Risparmio – FEduF.

La competizione, che si svolge online, è rivolta agli studenti tra i 13 e i 15 anni e si svolge attraverso la piattaforma di apprendimento gratuita Kahoot! il 28 marzo 2019. I vincitori voleranno a Bruxelles per gareggiare con i team finalisti degli altri Paesi.

Come partecipare?

Fase preparatoria

  1. accedere al link del sito http://www.feduf.it/container/scuole/european-money-quiz e compilare il format per l’iscrizione. Attenzione: Questa registrazione, oltre a quella della piattaforma Kahoot!, è indispensabile per ricevere il link di gioco del quiz della finale nazionale. Il termine ultimo per registrarsi è il 15 marzo 2019;
  2. prepararsi allo svolgimento della finale nazionale con i test di prova della piattaforma Kahoot!, che il docente che si è registrato riceverà tramite email sotto forma di link. Per giocare con i quiz di prova è necessario registrarsi sulla piattaforma Kahoot! e inserire il codice PIN che verrà fornito al docente. Per realizzare i test di prova servono:
    • un dispositivo elettronico (Dispositivo 1), LIM o computer, che fungerà da schermo per visualizzare le domande;
    • un dispositivo elettronico (Dispositivo 2), computer o smartphone (su cui si sarà precedentemente scaricata la APP Kahoot) che servirà per inserire le risposte.

Finale nazionale

Alla finale nazionale, che si svolgerà il 28 marzo tra le 12:00 e le 12:45, è possibile giocare dalla propria scuola come classe o come team. Chi risponderà correttamente al maggior numero di domande nel minor tempo vincerà un viaggio a Bruxelles per due studenti più un accompagnatore (docente o genitore) per partecipare  alla finale europea in programma il 7 maggio 2019.

Anche per giocare alla finale nazionale serviranno due dispositivi: con il Dispositivo 1 bisognerà collegarsi al canale Youtube per visualizzare le domande, con il Dispositivo 2 (computer o smartphone)  i team potranno rispondere. Le indicazioni dettagliate le trovate nelle istruzioni allegate.

 

Video informativo

Istruzioni per l’inscrizione all’European Money Quiz

Termini e condizioni di partecipazione

Esempio di prova preparatoria

Leggi tutto

Comunicazione, Notizie, Proposte formative dai LES

Pubblicato il IX Rapporto IPSOS Italia 2019: comunitari e cosmopoliti, le nuove fratture

Giunge alla IX edizione il Rapporto IPSOS Italia 2019: comunitari e cosmopoliti, le nuove frattureche ha l’obiettivo di “raccontare cosa accade nel paese, quali le reazioni degli italiani e quale il loro modo di stare nel mondo.”

Dal Rapporto IPSOS Italia 2019 emergono i seguenti 10 punti di riflessione:

  1. La ripresa che non c’è. Gli indicatori economici volgono al negativo in conclusione di anno, con il rischio di ritornare ad una situazione recessiva. Da un lato le attese del consolidarsi della ripresa sembrano essere frustrate, dall’altro ci si attendono cambiamenti positivi dal nuovo governo. I
  2. I consumi che non riprendono. Nel secondo trimestre 2018 la propensione al risparmio tende a risalire, mentre c’è un ristagno dei consumi.
  3. Oltre la luna di miele? Il governo Conte segna un cambiamento di clima nel paese che sembra portare a compimento il distacco élite/popolo, che appare nei primi anni ’80, con la progressiva modernizzazione e secolarizzazione del paese.
  4. La comunità impossibile. Di fronte alle aggressioni esterne (mondializzazione, immigrazione, impoverimento dei ceti medi), e all’incapacità percepita del sistema democratico di rispondere alle nuove sfide, tanto che due terzi degli italiani pensano che occorra trovare qualcosa di meglio, la risposta è una reazione comunitaria, di chiusura.
  5. Il principio di precauzione. I sentimenti prevalenti tra gli italiani sono antiélitari e molto critici verso la UE. Ma prevale il principio di precauzione. Solo il 25%, nel caso di un referendum, voterebbe per uscire dall’Europa.
  6. Identità e confini. La narrazione sui migranti si concentra sugli arrivi via mare, con il corredo simbolico e iconografico che gli sbarchi si trascinano. Il quadro di opinione che Ipsos registra è quello di un’opinione pubblica estremamente frammentata sul tema delle migrazioni, dove la solidarietà convive con i timori, l’accoglienza con l’ostilità.
  7. Falla facile. La semplificazione come risposta alla crescente complessità mette le marche nelle condizioni di trovare una soluzione per produrre messaggi incisivi e memorabili, che emergano dal flusso indistinto della comunicazione. Le marche scelgono quindi un linguaggio diretto e ripuliscono il messaggio per tenerne solo il ‘cuore’.
  8. Comprare meno ma meglio, comprare esperienze. Un consumatore più consapevole, fa acquisti intelligenti, superando la logica dell’acquisto ‘smart’ dei tempi della crisi – ciò che mi conviene – e dirigendosi verso un’offerta più articolatamente migliore: non solo il prodotto migliore, con il prezzo migliore, ma anche migliori applicazioni e servizi ad esso connessi.
  9. Dal prodotto al servizio: l’iperpersonalizzazione. Nella quarta rivoluzione industriale, stiamo assistendo al passaggio dalla vendita transazionale al prodotto come servizio (product-as-a-service); in questo modello si vendono “pacchetti di utilizzo” anziché il prodotto in sé.
  10.  Dalla crisi della narrazione dei fatti alle fake news. All’interno del nuovo ecosistema digitale dell’informazione, il quotidiano perde la sua centralità e di conseguenza la perdita della funzione “meta-informativa” che esso svolge nella dieta mediatica, ovvero il suo ruolo insostituibile nel filtrare le informazioni importanti, selezionando e gerarchizzando le notizie, definendo una “agenda” a beneficio del lettore. Tutto questo rappresenta un “fertilizzante” per la disinformazione e le “fake news”.

Il rapporto sarà presentato il 26 febbraio 2019 a Roma,  presso il parlamentino del CNEL, in via David Lubin, 2, dalle ore 9.30 alle ore 12.30.

Il Programma della presentazione

Il Rapporto IPSOS Italia 2019

Leggi tutto